APPUNTAMENTI

 

UTERO e OVAIE - Screening 28 Luglio 2017
Giornate della prevenzione oncologica 

Il giorno 28 Luglio 2017, presso il Centro Medico Polifunzionale, ci sarà la giornata della prevenzione oncologica con lo screening per il seno, in cui sarà possibile effettuare una visita ginecologica con ecografia al costo ridotto di € 50,00 anzichè € 100,00.
Le visite saranno effettuate dalla Dott.ssa Maria Luisa Madera, Specialista in Ginecologia.

TUMORE UTERO E OVAIE

OVAIE
Le ovaie sono due organi delle dimensioni di circa tre centimetri situati una a destra e una a sinistra all'utero a cui sono connessi dalle tube. Le loro funzioni sono due: produrre ormoni sessuali femminili e ovociti, cellule riproduttive femminili.
Nelle ovaie possono svilupparsi delle cisti su base funzionale e possono insorgere tumori benigni, a basso potenziale di malignità oppure maligni.
Popolazione soggetta:
Il tumore delle ovaie in Europa rappresenta il 5 per cento di tutti i tumori femminili.
Fattori di rischio:
Sono fattori di rischio l’età (maggior incidenza fra i 50 e i 69 anni), la precocità del menarca (prima mestruazione) e la menopausa tardiva, l’assenza di gravidanze, le alterazioni genetiche.
Prevenzione e diagnosi:
L’assenza di sintomi iniziali fa sì che la prevenzione possa essere basata solo sulla visita ginecologica e l’ecografia trans-vaginale. E’ consigliabile effettuarle tutti gli anni a partire dai 30 anni.
La diagnosi ecografica ci permette anche di prevenire eventuali complicanze come la torsione, l'emorragia endoperitoneale o di risolvere problemi legati alla mancanza di gravidanza.

UTERO
E’ formato da due parti principali: l’estremità inferiore, chiamata collo o cervice, in diretto collegamento con la vagina, e la parte superiore chiamata corpo dell’utero, le cui pareti sono formate da tessuti molto diversi tra loro per forma e funzioni.
CORPO
Popolazione soggetta:

I tumori del corpo possono essere benigni o maligni, e tra i benigni possiamo trovare :polipo endometriale, iperplasia dell'endometrio e i fibromi. Tra i tumori maligni il tumore dell'endometrio, cioè del rivestimento interno del corpo uterino, rappresentano il 4% per cento di tutte le diagnosi di tumore, con 7.700 nuovi casi all’anno in Italia.
Sono tumori che colpiscono soprattutto le donne anziane, con un picco dopo i 60 anni.
Fattori di rischio:
L’età è sicuramente il principale fattore di rischio, ma importanti sono anche l’obesità (spesso legata a una dieta troppo ricca di calorie e grassi), il diabete, e gli estrogeni (inizio precoce delle mestruazioni, menopausa tardiva, assenza di gravidanze).
Prevenzione e diagnosi:
La maggior parte dei tumori dell’endometrio (90%) si manifesta con sanguinamento vaginale anomalo.
Ma un’alterazione dell’endometrio può essere evidenziato con una semplice ecografia trans-vaginale. Se con essa si rileva un’anomalia dell’endometrio, si può effettuare una biopsia endometriale attraverso un’isteroscopia. Il successivo esame istologico del materiale prelevato permette poi una diagnosi certa.
COLLO
Il tumore del collo dell’utero era la più frequente forma di cancro per le donne nel passato. L’introduzione del Pap-test, uno strumento di diagnosi precoce molto efficace, continua ad abbassare nei paesi evoluti il numero dei casi e i decessi.
Popolazione soggetta:
In Italia l’incidenza si è ridotta a 1 caso ogni 10.000 donne.
Fattori di rischio:
I principali fattori di rischio sono l’infezione da alcuni tipi di papilloma virus umano(HPV), che si trasmette per via sessuale, familiarità, fumo, obesità, dieta povera di frutta e verdura.
Prevenzione e diagnosi:
I sintomi iniziali sono aspecifici e quindi non ci si può basare su questi per una diagnosi precoce.
Le visite ginecologiche con esecuzione del pap-test sono il cardine della diagnosi precoce, perché possono evidenziare sia il tumore in fase iniziale che particolari lesioni, dette precancerose, curando le quali si evita l’insorgere del tumore.
Tali controlli vanno effettuati dall’inizio dell’attività sessuale, e comunque non oltre i 25 anni, con cadenza triennale se tutto risulta sempre negativo e con maggiore frequenza se si evidenziano problemi.
Se si riscontrano anomalie, l’approfondimento diagnostico viene effettuato con colposcopia ed eventuale biopsia. 
Share |
FOTO
6-ManiCuore.jpg